06/5813605

  • Ristorante di cucina romana a Testaccio
  • Ricette romane tradizionali, declinate in un'ampia varietà di interpretazioni
  • Mangiare mentre Roma ti riempie gli occhi, con i suoi scorci di cielo del primo pomeriggio o con le luci serali che pulsano come fiammelle; i pranzi e le cene da Pasticcio offrono uno spettacolo sempre inedito di colori e suggestioni, che non può essere descritto a parole senza sminuirne l’incanto. Un menù legato alle tradizioni, con piatti di cucina romana semplici ma semplicemente… buoni!

    Vista Panoramica

    Una vista panoramica che passa, senza soluzione di continuità, dalla visuale prospettica del centro storico monumentale, da un lato, fino ad arrivare ad intuire, volgendo lo sguardo, il profilo dei Castelli Romani che si stagliano verso est, alla fine della città.
    Tutto questo lo si trova al quinto piano di un edificio inserito nel bel mezzo di un background decisamente vivo e vitale, se si considera che Trastevere e Testaccio sono da anni le zone d’elezione per le serate più animate e ‘calde’ di Roma.

    I piatti della tradizione

    Qui si mangiano i piatti di una cucina romana all’insegna di ricette semplici e tradizionali, esaltate e portate a nuova vita dalla cura rigorosa che viene assicurata alle preparazioni; uno scrupolo appassionato che investe la qualità degli ingredienti, sempre freschi e genuini, come anche l’esecuzione ai fornelli delle ricette, dove la ricerca del gusto trionfa su ogni altra presunzione e velleità.
    Si propongono i sapori della cucina tipica romana, a partire da più classici primi piatti romaneschi come i rigatoni alla carbonara e alla gricia, i bucatini all’amatriciana e i tonnarelli cacio pepe, senza contare ovviamente la gamma completa di fritti alla romana e le pizze tonde alla pala.

    Polpette al sugo come le faceva nonna

    Dominano le ricette tradizionali come i pasticci, declinati con sapienza e rigore in un’ampia varietà di sontuose interpretazioni, o come anche i secondi piatti di carne della tradizione ‘povera’ romana, nelle ricette storiche ormai privilegio di pochi autentici cultori, come ad esempio la pajata, la trippa alla romana e la coda alla vaccinara.
    Ma la portata fuori-serie di Pasticcio, almeno per rimanere nel solco della tradizione culinaria familiare che innerva il ristorante, sono le polpette al sugo cucinate secondo la ricetta di nonna Rosa, vere pepite di un gusto antico e fragrante, saporite e genuine come quelle che si facevano nelle famiglie romane nei giorni di festa, ormai tanti anni fa…

    Tel. 06/5813605

    Lungotevere Portuense, 200 (Ponte Testaccio) 00153 Roma
    Aperto tutti i giorni 18 – 02 (Venerdi e sabato 18 – 04)
    Tutti i giorni a pranzo Buffet – Sabato e Domenica Brunch

    ringraziamo: